Museo civico archeologico “G. Moretti”

Il Museo archeologico G. Moretti conserva reperti preistorici, piceni (dalle vicine necropoli di Frustellano e Pitino) ed Etruschi e, soprattutto pezzi provenienti dagli scavi dell’ antica Septempeda. Il Museo conserva una notevole collezione archeologica (raccolta da D. Pascucci nella seconda metà dell’800).


Il Museo intitolato all'archeologo sanseverinate Giuseppe Moretti, istituito nel 1972 ed ospitato dal 2003 nei locali dell'Antico Episcopio del nucleo medioevale di Castello al Monte, offre un significativo quadro d'insieme della storia del territorio. Il percorso espositivo si snoda dalle culture preistoriche alle soglie dell'età medioevale attraverso le testimonianze dell'età picena e dell'età romana.I reperti raccolti nella prima sezione provengono quasi totalmente dalla collezione Pascucci, il quale nella seconda metà dell'800 raccolse più di duemila pezzi litici dell'età preistorica ascrivibili alle fasi del Paleolitico, Neolitico, Eneolitico e Età del Bronzo.L'età protostorica con la civiltà Picena è ampiamente documentata da reperti archeologici che vanno dal VII al IV-III sec. a.C. provenienti dall'abitato sulla sommità del Colle e dalle tre necropoli di Monte Penna, Frustellano e Ponte di Pitino. I preziosi corredi funerari esposti testimoniano l'elevata cultura dei Piceni - arricchita dai rapporti con l'Etruria, la Grecia e il vicino Oriente -: statuette di Marte, schinieri e elmi in bronzo, pomelli in avorio. Dei sepolcreti di Stigliano e Carpignano le pregiate kylix attiche a figure nere o rosse (V sec. a.C.) e vasi etruschi tra cui skyphoi e poculum databili tra il IV e il III sec. a.C. Tra III e II sec. a.C., con l'espansione della civiltà Romana nell'Italia centrale adriatica, si costituirono il "conciliabulum" e il centro di "praefectura" da cui si formò il "municipium di Septempeda"; da qui provengono gli unguentari, i frammenti in marmo dei Fasti Consolari Settempedani, la preziosa statuetta in bronzo di Mercurio, cippi funerari, urne cinerarie, materiale epigrafico e preziosi mosaici pavimentali della domus urbana a motivi geometrici e zoomorfi. Dall'area delle terme i frammenti delle decorazioni architettoniche e delle coppe di cui una a vernice nera con bollo in "planta pedis" ascrivibile al I sec. d.C.

Sezione Geologico-Paleontologica

Informazioni

Nome della tabella
Indirizzo Via Castello al Monte
Proprietà Comunale
Telefono +39 0 733 633 919
E-mail info@comune.sanseverinomarche.mc.it
Chiusura
Aperture da ottobre a giugno:
Sabato, domenica e festivi 10-13/15-18
Aperture da luglio a settembre:
dal martedì alla domenica 10-13/16-19 lunedì chiuso (eccetto i festivi)
Info: ProLoco +39 0733638414
Le aperture potranno subire variazioni durante le festività pasquali e natalizie
Ingresso Attualmente il Museo Archeologico è inagibile

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto
Questa è la sezione del sito istituzionale del Comune di del Comune di San Severino Marche dedicata al turismo. Per le informazioni che riguardano l'Ente, vai alla home
Questo sito è realizzato da TASK secondo i principali canoni dell'accessibilità | Credits | Privacy | Note legali